Julio le Parc

Julio Le Parc nasce il 23 settembre 1938, oggi è tra i protagonisti indiscussi della così detta Optical Art. All’età di quindici anni, entra nella Scuola di Belle Arti di Buenos Aires, dove si diploma successivamente presso la Scuola Superiore. Fin dai primi anni di studio, manifesta interesse per i movimenti d’avanguardia dell’ Argentina.

Nel 1958, Julio Le Parc ottiene una borsa di studio dal governo francese e si trasferisce a Parigi, dove risiede ancora oggi. Qui stabilisce rapporti con altri artisti argentini e inizia a lavorare a stretto contatto con loro. Dal 1959, Julio Le Parc e i suoi collaboratori analizzano l’opera di artisti contemporanei e d’avanguardia, cercando di individuare contraddizioni e limiti da superare.

Nel 1960, diviene uno dei membri fondatori del GRAV, Gruppo di ricerca di arti visive che si dedica all’arte cinetica e alla sperimentazione visiva. In questo periodo, l’artista si impegna a promuovere la partecipazione attiva dello spettatore nel processo artistico.

Tuttavia, va oltre la semplice creazione di illusioni ottiche sulla tela. Attraverso l’uso di dispositivi tecnologici da lui stesso costruiti, esplora la complessità della percezione visiva umana. Le sue opere non sono soltanto giochi di luce, ma vere e proprie ricerche sulla percezione e sui sensi.
Dalla prima luce naturale, nel 1962, inizia a utilizzare la luce artificiale in grandi dispositivi, creando opere d’arte che ipnotizzano letteralmente chi le osserva.

Nel corso della sua carriera, Julio Le Parc riceve numerosi riconoscimenti e premi.
Oggi le sue opere sono esposte in importanti musei e gallerie di tutto il mondo, e la sua influenza sull’arte contemporanea è riconosciuta a livello internazionale. La sua capacità di combinare l’arte visiva con l’interazione attiva dello spettatore ha reso il suo lavoro un punto di riferimento nell’ambito dell’arte cinetica e dell’Optical-art.

RICHIEDI OPERE